Slider

In questa sezione racchiudiamo le domande frequenti con le relative risposte

 
 

Centralina aggiuntiva per pedale acceleratore GAS CONTROLLER (10)

GAS CONTROLLER va a migliorare la sensibilità del pedale acceleratore e di conseguenza migliora il carattere dell'auto, pur non essendoci un incremento numerico di cavalli e coppia.

GAS CONTROLLER è compatibile con tutte le modalità opzionali presenti nelle auto di ultima generazione. L'incremento di reattività sarà presente su tutte le modalità, mantenendone le differenze.

No, le connessioni di GAS CONTROLLER infatti sono eseguite tramite cablaggi con interfaccia: scollegando la centralina l'impianto torna perfettamente originale e la centralina non lascia traccia.

Certo, GAS CONTROLLER è compatibile con tutti gli impianti di iniezione diesel e benzina purché dotati di acceleratore elettronico (eslcuso gruppo PSA)

Certo, GAS CONTROLLER è sempre consigliato per amplificare ulteriormente l'effetto di una rimappatura o di una centralina PowerKing: sperimenta il WOW Effect!

Non ci possono essere problemi, GAS CONTROLLER infatti è compatibile con tutti i tipi di cambi automatici (Multitronic, DSG, TCT, Tiptronic, ZF, PDK, 7G-DCT, LDF, EDC...).

Assolutamente no, GAS CONTROLLER non può causare problemi al motore nemmeno sul lungo e lunghissimo periodo poichè sfrutta il potenziale dell'auto originale.

Sì, GAS CONTROLLER è compatibile anche con auto benzina aspirate e turbo.

Sì, GAS CONTROLLER è perfettamente compatibile con il filtro antiparticolato (FAP-DPF).

GAS CONTROLLER si collega esclusivamente al sensore del potenziometro sull'acceleratore.

Centralina aggiuntiva PK75 ALUMINIUM (12)

Non ci possono essere problemi, la centralina aggiuntiva PK75 ALUMINIUM infatti è compatibile con tutti i tipi di cambi automatici (Multitronic, DSG, TCT, Tiptronic, ZF, PDK, 7G-DCT, LDF, EDC...).

Sì, la centralina aggiuntiva PK75 ALUMINIUM è perfettamente compatibile con il filtro antiparticolato (FAP-DPF).

La centralina aggiuntiva PK75 ALUMINIUM si collega esclusivamente al sensore di pressione common-rail.
Opzionalmente a scopo di monitor può essere collegata al sensore pressione DPF.

I risultati sul risparmio di carburante sono variabili in base all'auto, al motore, allo stile di guida, al tipo di percorso abituale, alla qualità del carburante. In base a questi fattori, il risparmio di carburante può essere più o meno accentuato.

Gli incrementi sono variabili a seconda del tipo di auto: visita lo SHOP per vedere gli incrementi specifici della tua motorizzazione.

La centralina aggiuntiva PK75 ALUMINIUM è compatibile con tutte le modalità opzionali presenti nelle auto di ultima generazione. L'incremento di potenza sarà presente su tutte le modalità, mantenendone le differenze.

Assolutamente no, la centralina aggiuntiva PK75 ALUMINIUM non può causare problemi al motore nemmeno sul lungo e lunghissimo periodo.

No, le connessioni della centralina aggiuntiva PK75 ALUMINIUM infatti sono eseguite tramite cablaggi con interfaccia: scollegando la centralina l'impianto torna perfettamente originale e la centralina non lascia traccia.

No, la centralina aggiuntiva PK75 ALUMINIUM può essere collegata solo su motori turbo diesel.

No, la centralina aggiuntiva PK75 ALUMINIUM è studiata esclusivamente per motori con sistema di iniezione diesel common-rail.

E' sconsigliato abbinare la centralina aggiuntiva ad una rimappatura per ragioni di sicurezza del motore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sono due operazioni differenti, abbiamo un articolo dedicato sull'argomento.

Centralina aggiuntiva PK75 COMPACT (12)

No, la centralina aggiuntiva PK75 COMPACT è studiata esclusivamente per motori con sistema di iniezione diesel common-rail.

Sì, la centralina aggiuntiva PK75 COMPACT è perfettamente compatibile con il filtro antiparticolato (FAP-DPF).

La centralina aggiuntiva PK75 COMPACT si collega esclusivamente al sensore di pressione common-rail.

I risultati sul risparmio di carburante sono variabili in base all'auto, al motore, allo stile di guida, al tipo di percorso abituale, alla qualità del carburante. In base a questi fattori, il risparmio di carburante può essere più o meno accentuato.

Gli incrementi sono variabili a seconda del tipo di auto: visita lo SHOP per vedere gli incrementi specifici della tua motorizzazione.

Non ci possono essere problemi, la centralina aggiuntiva PK75 COMPACT infatti è compatibile con tutti i tipi di cambi automatici (Multitronic, DSG, TCT, Tiptronic, ZF, PDK, 7G-DCT, LDF, EDC...).

La centralina aggiuntiva PK75 COMPACT è compatibile con tutte le modalità opzionali presenti nelle auto di ultima generazione. L'incremento di potenza sarà presente su tutte le modalità, mantenendone le differenze.

Assolutamente no, la centralina aggiuntiva PK75 COMPACT non può causare problemi al motore nemmeno sul lungo e lunghissimo periodo.

No, le connessioni della centralina aggiuntiva PK75 COMPACT infatti sono eseguite tramite cablaggi con interfaccia: scollegando la centralina l'impianto torna perfettamente originale e la centralina non lascia traccia.

No, la centralina aggiuntiva PK75 COMPACT può essere collegata solo su motori turbo diesel.

E' sconsigliato abbinare la centralina aggiuntiva ad una rimappatura per ragioni di sicurezza del motore.

Sono due operazioni differenti, abbiamo un articolo dedicato sull'argomento che trovi QUI

Centralina aggiuntiva PK75 GT2 (12)

Non ci possono essere problemi, la centralina aggiuntiva PK75 GT2 infatti è compatibile con tutti i tipi di cambi automatici (Multitronic, DSG, TCT, Tiptronic, ZF, PDK, 7G-DCT, LDF, EDC...).

Sì, la centralina PK75 GT2 è compatibile con i motori a benzina turbo, per conoscere la compatibilità con la propria auto visitare la sezione SHOP oppure contattare il supporto tecnico.

No, la centralina aggiuntiva PK75 GT2 è studiata esclusivamente per motori con sistema di iniezione diesel common-rail.

La centralina aggiuntiva PK75 GT2 si collega al sensore di pressione common-rail e al sensore di pressione turbo.
Opzionalmente a scopo di monitor può essere collegata al sensore pressione DPF.

Sono due operazioni differenti, abbiamo un articolo dedicato sull'argomento.

I risultati sul risparmio di carburante sono variabili in base all'auto, al motore, allo stile di guida, al tipo di percorso abituale, alla qualità del carburante. In base a questi fattori, il risparmio di carburante può essere più o meno accentuato.

Gli incrementi sono variabili a seconda del tipo di auto: visita lo SHOP per vedere gli incrementi specifici della tua motorizzazione.

La centralina aggiuntiva PK75 GT2 è compatibile con tutte le modalità opzionali presenti nelle auto di ultima generazione. L'incremento di potenza sarà presente su tutte le modalità, mantenendone le differenze.

Assolutamente no, la centralina aggiuntiva PK75 GT2 non può causare problemi al motore nemmeno sul lungo e lunghissimo periodo.

No, le connessioni della centralina aggiuntiva PK75 GT2 infatti sono eseguite tramite cablaggi con interfaccia: scollegando la centralina l'impianto torna perfettamente originale e la centralina non lascia traccia.

E' sconsigliato abbinare la centralina aggiuntiva ad una rimappatura per ragioni di sicurezza del motore.

Sì, la centralina aggiuntiva PK75 GT2 è perfettamente compatibile con il filtro antiparticolato (FAP-DPF).

Domande frequenti sul filtro antiparticolato FAP-DPF (7)

In questo caso (fermo restando che il motore sia in ordine) l’auto non avrà più nessun problema legato al filtro antiparticolato, non si sentirà sgradevole odore di gas di scarico, non si avranno rumorosità anomale, e si avranno consumi minori. Tuttavia non è una modifica omologata per l'uso stradale.

Si rischiano sanzioni di oltre 1.000,00 Euro ed il ritiro della carta di circolazione, la responsabilità è a esclusivo carico dell'utilizzatore.

No
Se devi utilizzare l’auto per strada
Si se hai intenzione di utilizzarla per gare in pista o comunque dove consentito dalla legge

Quando la centralina cerca di pulire il filtro inietta una maggiore quantità di gasolio in fase di post combusione (con la valvola di scarico aperta), il quale viene spinto dai pistoni nel filtro antiparticolato, con lo scopo di innalzare la temperatura del filtro e permetterne la rigenerazione.
Accade però che parte di questo gasolio passa attraverso i cilindri e finisce nella coppa dell’olio miscelandosi con questo e rovinando la qualità della lubrificazione. Per questo è necessario sostituire l'olio anche se questo ha percorso pochi chilometri, poiché contaminato da gasolio.
Un motore con un olio molto contaminato ha altissime probabilità di fusione e rotture.

I motivi che determinano un intasamento precoce del filtro antiparticolato solo molteplici, ne elenchiamo alcuni:
- il filtro è fatto per intasarsi e rigenerarsi, in un ciclo che termina con l'esaurimento della capacità del filtro di autopulirsi
- percorso tipico breve
- gasolio contaminato
- problemi meccanici minori (manicotti fessurati, trafilazioni di aria dai tubi intercooler, debimetro starato)
- problemi meccanici maggiori (problemi di iniezione, problemi di valvola EGR...)
- modifiche alla centralina eseguite senza criterio (rimappature esagerate o non professionali)
- chilometraggio elevato
- usura del filtro stesso
- danneggiamento fisico del filtro

Nessuna modifica non originale ai sistemi antinquinamento è omologata per l'utilizzo stradale.
Sono consentiti utilizzi solo per gare, fiere, circuiti privati, nel rispetto del CDS.

Svuotare il filtro antiparticolato ha diversi svantaggi: perdita di potenza, buco di accelerazione a bassi giri, rumorosità dello scarico più accentuata con caratteristico "rimbombo", odore sgradevole di gas di scarico. Oltre a ciò, il CDS vieta l'utilizzo su strada di auto con filtro vuoto.

Il cattivo odore deriva dal fatto che i gas di scarico del motore escono direttamente dallo scarico attraverso i fori eseguiti, i quali in molti casi compromettono anche il catalizzatore.
Il rendimento dell'auto è peggiorato perché i gas passano solo dai fori fatti dal meccanico (dal momento che la permeabilità delle sezioni "intatte" del FAP è compromessa). In base al diametro totale dei fori, ne deriva una strozzatura del flusso dei gas di scarico: il diametro totale ottenuto può essere di oltre 5 volte più piccolo dell’originale. Sono frequenti casi di sbriciolamento del FAP che possono portare diversi problemi, come intasamento totale del passaggio dei gas, pezzi di filtro lungo lo scarico, rottura turbo...

Elaborazioni Centralina (6)

I risultati sul risparmio di carburante sono variabili in base all'auto, al motore, allo stile di guida, al tipo di percorso abituale, alla qualità del carburante. In base a questi fattori, il risparmio di carburante può essere più o meno accentuato.
Sui motori turbo benzina il risparmio sui consumi potrebbe essere nullo.

Se la rimappatura viene eseguita da persone non competenti, tutto è possibile: agendo sul "cervello" del motore senza criterio è virtualmente possibile distruggere il motore, poichè all'interno del software del motore sono presenti tutti quei dati e parametri atti a proteggere il motore da se stesso.
La coppia del motore può essere così alta da autodistruggerlo.
Per questo, la rimappatura deve essere SEMPRE eseguita da aziende qualificate e persone competenti, così da garantire sicurezza e longevità del motore al pari dell'originale.

L'innalzamento del picco di coppia massima rappresenta sicuramente un maggiore stress per gli organi di trasmissione.
Tuttavia, una rimappatura studiata appositamente sul veicolo (tenendo quindi conto di fattori importanti quali margine di sicurezza massimo dei componenti, chilometraggio del veicolo e stato di usura del motore e contorno) non può causare problemi.
Precisiamo che i componenti che maggiormente subiscono le forze generate dal motore (turbo, frizione, cambio...) devono essere in uno stato più che buono prima di procedere ad una rimappatura: un componente già indebolito e "sofferente" con i parametri originali, non potrà che soffrire maggiormente se messo ancor di più sotto sforzo.

Qualsiasi modifica al motore richiede successiva visita e prova in motorizzazione per l'omologazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La rimappatura è un software che viene venduto da noi già testato e sicuro.
Significa che la modifica software che forniamo non può causare problemi al motore.
Non dimentichiamo però che i motori sono costantemente soggetti a problematiche (intrinseche e non) e pertanto non è possibile imputare un eventuale problema meccanico alla nostra rimappatura, poichè questa è stata testata su un ampio numero di veicoli identici che non hanno presentato problemi.
I file di modifica software sono testati, di conseguenza NON si rilascia alcuna garanzia, dal momento che si ha la certezza che nessun tipo di danno può essere causato al motore da tale modifica.

Sono due operazioni differenti, abbiamo un articolo dedicato sull'argomento che trovi QUI